Comitato Scientifico Centrale
del Club Alpino Italiano - dal 1931

Scarica pdf

Alta Val Fiorentina, loc."Malga Durona", Comune di Borca di Cadore, 1918 m.

 Il Città di Fiume è l’unico rifugio alpino intitolato alla Città di Rijeka (Fiume), per ricordare i fiumani in esilio dall’Italia. È Stato inaugurato il 20 settembre 1964 è di proprietà della sezione di Fiume che dal 2012 è diventata sezione particolare del Club Alpino Italiano.

La città di Fiume si trova in Croazia ed è la principale città del Golfo del Quarnero (terza della Croazia), ad est della penisola istriana, dal 1924 al 1943 fece parte del Regno d’Italia ed ancora oggi una buona parte della popolazione è di madrelingua italiana.

Scarica pdf

Vette Feltrine - Loc. Cesta, Passo delle Vette Grandi - m 1993

Il rifugio è dedicato al geologo Giorgio Dal Piaz (1872-1962), di origine feltrina, professore dell’Università di Padova e autore di studi pionieristici sulle Vette Feltrine, fu costruito dai soci-volontari della sezione CAI di Feltre negli anni 1962-63. Il promotore dell’opera fu l’allora presidente del sodalizio Walter Bodo morto il 19 marzo 1963, non lontano da qui, durante un sopralluogo alla struttura quasi ultimata.

Il rifugio Dal Piaz, per l’entusiasmo e la tenacia profusi dai soci pur tra molte difficoltà, è la più completa espressione di sinergia nel sodalizio feltrino.

Il terreno dove sorge il rifugio è stato comprato dal Comune di Sovramonte e apparteneva al territorio di Malga Vette Piccole che comprendeva il M. Cesta e il Coston de le Vette; più ad ovest lo stesso pendio, dalla cima delle Vette Grandi alle Boete era proprietà di Malga Vette Grandi.

Scarica pdf

Passo Volaia, Comune di Forni Avoltri (UD) - m 1955

Il Tenente Ruggero Dialtrik Lambertenghi (Tripoli, 1884 – Rigolato, 1915) fece parte del plotone dell’81a compagnia che aggirò le posizioni austriache del Passo Volaia consentendo la presa da parte delle truppe italiane. Nell’azione rimase gravemente ferito e fu pertanto trasportato all’ospedale di Rigolato dove morì a causa delle gravi lesioni. Il Tenente Gino Romanin di Forni Avoltri (1892 - 1929) fu medaglia d’argento al Valor Militare, per gli eroici episodi che lo videro protagonista sul M.te Tondarecar (Altopiano di Asiago), nonché Grande Invalido di guerra e primo Podestà di Forni Avoltri. Il rifugio fu fondato da Antonio Del Regno (ex-finanziere) che negli anni ’20 gestiva un ristoro ricavato dai ruderi della Grande Guerra per poi costruire il rifugio in muratura dal 1929 al 1935. Il rifugio fu poi acquistato dal Comune di Forni Avoltri alla fine degli anni ’70 che lo ristrutturò successivamente nel 1982 e nel 2002.

 

Scarica pdf

al Pian della Palù –Costa Volpino (BG) - m 1608

l Rifugio è intitolato a Leonida Magnolini, Medaglia d’Oro al valor Militare. Leonida Magnolini nasce a Edolo (BS) il 16 luglio 1915, nel novembre del 1934 inizia a Bra (CN) il corso di allievo ufficiale di artiglieria alpina terminandolo a Gorizia nel 1936. Gli avvenimenti precipitano, il sottotenente Magnolini viene richiamato e prende parte alla campagna del fronte occidentale. La notte del 26-1-1943 a Nikitowka è ferito mortalmente. Per il suo sacrificio gli viene conferita la M.O. al valor militare alla memoria.